fbpx

Resto al Sud 2021. Ecco gli incentivi per la tua impresa

Resto al Sud 2021  è un incentivo Invitalia che ha lo scopo di sostenere nuove realtà imprenditoriali e libero professionali nelle regioni del Meridione e del Centro Italia.

Resto al Sud, in concreto, permette di richiedere un finanziamento per creare attività imprenditoriali in una prospettiva di autoimpegno con lo scopo finale di rilanciare l’economia di quelle regioni italiane dove l’iniziativa imprenditoriale risulta essere meno energica.

Resto al Sud a chi è rivolto

Resto al Sud è rivolto a potenziali beneficiari di età compresa tra i 18 e i 55 anni, grazie all’estensione prevista dalla Legge di Bilancio 2021 

Al momento della domanda bisogna possedere i seguenti requisiti:

  • essere residente in:

 

-Abruzzo

-Basilicata

-Calabria

-Campania

-Molise

-Puglia

-Sardegna

-Sicilia

-Lazio, Marche, Umbria e, nel dettaglio, 116 Comuni del cratere sismico del Centro Italia

 

  • essere un libero professionista (in forma societaria o individuale) che non abbia partita IVA nei 12 mesi precedenti la presentazione della domanda per lo svolgimento di un’attività analoga a quella proposta
  • non avere un lavoro a tempo indeterminato con l’impegno a non averlo per tutta la durata del beneficio
  • non essere titolare di altre attività di impresa attive al 21 giugno 2017
  • non aver ricevuto altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità negli ultimi tre anni

Resto al Sud 2021 come funziona

Resto al Sud 2021 è un incentivo ampliato negli ultimi anni sia per quanto riguarda i beneficiari che rispetto all’incremento dell’incidenza del “fondo perduto” che ha raggiunto il 50% (l’ulteriore 50% consiste in un finanziamento bancario a tasso zero garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI).

Non esistono bandi, graduatorie, né scadenze. Le domande vengono considerate, ed eventualmente accettate, in base all’ordine di ricezione.

Resto al Sud 2021 cosa finanzia

Il finanziamento Resto al Sud Invitalia è dedicato:

 

  • alle attività produttive relative ai settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;
  • alla fornitura di servizi alle imprese e alle persone turismo;
  • alle attività libero professionali, in forma individuale e societaria.

 

N.B.: Non sono ammesse le iniziative agricole e il commercio.

 

Resto al Sud copre il 100% delle spese a fronte di un finanziamento, per ciascun richiedente, che non superi i 50.000 euro. Il tetto massimo è di 200.000 euro.

Per le imprese societarie in forma individuale e con un solo soggetto proponente, è previsto un finanziamento massimo di 60.000 euro.

 

Il Decreto Rilancio  prevede che le aziende che hanno già ottenuto il finanziamento Resto al Sud possono ricevere, a completamento del progetto, un ulteriore contributo a fondo perduto di:

  • 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali espletate in forma individuale;
  • 10.000 euro per ogni socio, fino ad un massimo di 40.000 euro per le società.

 

Resto al Sud  2021 spese ammesse

Resto al Sud prevede il finanziamento delle seguenti spese:

  • ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (è previsto al massimo il 30% del programma di spesa);
  • acquisto di nuovi macchinari, nuovi impianti e nuove attrezzature;
  • acquisto/abbonamento a programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione;
  • acquisto materie prime, materiali di consumo, per le utenze, per i canoni di locazione, per i canoni di leasing, per le garanzie assicurative (è previsto al massimo il 20% del programma di spesa).

 

Le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili e sono così suddivise:

  • 50% di contributo a fondo perduto
  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI.

 

Gli interessi sono interamente a carico di Invitalia e la restituzione del finanziamento avviene con una dilazione di 8 anni.

 

 

Resto al Sud 2021 spese escluse dal finanziamento

  • di progettazione
  • promozionali
  • per le consulenze
  • per la retribuzione del personale dipendente

 

Resto al Sud 2021 come presentare la domanda

Per ottenere il finanziamento Resto al Sud 2021 bisogna presentare la domanda online attraverso la piattaforma di Invitalia.

Preventivamente occorre:

  • registrarsi al servizio online
  • consultare e scaricare il fac-simile della modulistica
  • possedere firma digitale e indirizzo di posta elettronica certificata (PEC)

La domanda deve contenere business plan da compilare online e documentazione da allegare.

 

Le domande inoltrate sono valutate da Invitalia in ordine cronologico ed entro 60 giorni dalla data di presentazione.

 

Hai un sogno imprenditoriale? Con Resto al Sud 2021 puoi realizzarlo!

Come fare a richiedere il finanziamento:

Devi solo proporci il tuo progetto.

Al resto pensiamo noi!

 

I nostri consulenti sono pronti a:

verificare la fattibilità del progetto

realizzare ilBusiness Plan

Inviare la domanda ad Invitalia

Insegnarti ad affrontare il colloquio

 

I nostri esperti che ti forniranno una consulenza veloce e gratuita.

Contattaci allo 081 18658639 oppure visita il sito www.finsenas.com

 

 

Richiesta Consulenza Gratuita Resto al Sud

Se hai un progetto che vuoi realizzare chiedi una consulenza GRATUITA per Resto al Sud



Aspetta

Lo sai che il preventivo è gratis

Basta 1 minuto!

e non comporta nessun impegno da parte tua?